logo semlice  Polo Pasta&Pizza

DESSERTS

TORTINO-CIOCCOLATO

decoro

DESSERTS

Tutti i Desserts proposti sono esclusivamente prodotti in casa senza uso di preparati e conservanti, il tutto viene realizzato partendo da materie prime fresche e garantendo la loro freschezza quotidianamente.


Storia del desserts

La parola viene da “desservir” (letteralmente “togliere il servizio”) con la quale si indicava lo sgombro di piatti, posaterie e attrezzature delle portate precedenti, fatto per servire l’ultima, definita perciò “dessert”. 


L’uso di considerarlo come un complesso di tre o quattro elementi: formaggio, frutta fresca, dolce o gelato, è ottocentesco e viene anch’esso dalla Francia. 

Anticamente, ai tempi di Greci, Etruschi e Romani, il pranzo finiva con frutti (secchi o freschi), formaggi e miele. 

Nel Medioevo e nel Rinascimento le classi aristocratiche consumavano i dolci e gli eventuali gelati inframezzati agli altri servizi (donde il termine “entremets”), mentre il finale del pranzo era affidato a bonbon, pasticcini, canditi, pasticche di zucchero, bibite calde zuccherate, spesso a base di vino speziato. 

Nel ‘600, la parte conclusiva del pasto vede un arricchirsi della pasticceria, con il fenomeno delle presentazioni elaborate, e quando alla fine del secolo si diffonde l’uso del gelato a fine pasto, prima in Francia e poi in Italia, il dessert comincia a diventare una parte importante del pranzo.

Sarà nell’ottocento, con Careme, che il dessert arriverà ad avere presentazioni talmente ricche e splendide, da essere considerate vere e proprie architetture.


Cenni storici sui dolci

I dolci erano già conosciuti nell'antichità ma non erano molto diffusi perchè per la loro preparazione mancava l'elemento base cioè: lo zucchero che era sostituito dal miele.

Lo zucchero usato era il prodotto ricavato dalla canna, chiamato appunto "canna da zucchero"
Questa pianta, era già coltivata in India e chiamavano lo zucchero "sale indiano". Dall'India si diffuse poi in tutto il Medio Oriente e di seguito anche in molti paesi a clima caldo.

Lo zucchero in canna originalmente era usato in medicina come lassativo ed in Europa aveva un prezzo molto alto trattandosi di merce di importazione.

I dolci che facevano nell'antica Grecia e a Roma a noi di certo non sarebbero stati graditi. La composizione degli ingredienti era per lo più assai strana perchè alla farina e al miele univano i formaggi o cervellini di animali ridotti in poltiglia.
Nell'Alto Medioevo l'arte dolciaria era mantenuta eccezionalmente dalle suore nei conventi e facevano principalmente dei biscotti e pasticcini molto semplici.

Furono gli arabi a perfezionare le conoscenze gastronomiche divenendo dei raffinati pasticcieri.
Dagli arabi in poi l'arte dolciaria progredì continuamente raggiungendo nel 1600 circa la sua più alta perfezione.
Lo zucchero in canna sostituì gradualmente il miele nei dolciumi più raffinati già dal 1500 quando, verso la metà del 1700 la chimica subì uno sviluppo importante.

Fu in quel periodo che un chimico tedesco per primo rilevò che un prodotto quasi uguale allo zucchero di canna si poteva estrarre dalle barbabietole.

Fu una scoperta importantissima perchè i paesi dal clima freddo non potevano coltivare la canna da zucchero ma erano in grado di coltivare su larga scala la barbabietola.
Naturalmente agli inizi questa scoperta fu molto osteggiata e guardata con diffidenza ma l'evidenza prevalse e gli alimenti dolci ebbero un aumento di consumo anche tra il popolo.

DESSERTS

DOLCI AL CUCCHIAIO

  • Default
  • Title
  • Date
  • Random

DOLCI CALDI

  • Default
  • Title
  • Date
  • Random

DOLCI SECCHI

  • Default
  • Title
  • Date
  • Random

GELATI

  • Default
  • Title
  • Date
  • Random

FRUTTA

  • Default
  • Title
  • Date
  • Random